Verdure Fermentate: Come Prepararle

Verdure Fermentate

Verdure fermentate (mix di cavolo, ravanelli, carote viola).

L'introduzione nella dieta di cibi fermentati (kefir di latte o di acqua, il kombucha, le verdure lattofermentate) fornisce probiotici VIVI ed SCFAs (il principale nutrimento dei batteri intestinali).

Preparare queste verdure è davvero molto semplice:

- verdure fresche
- sale marino integrale
- spezie/aromi a piacere (timo/allora/coriandolo/aneto/zenzero ecc…)
- acqua (fino a riempire il barattolo di vetro).

Con la fermentazione diventano più croccanti e un po' piccanti (dipende anche dalla verdura utilizzata).
Le verdure fermentate, oltre a probiotici, prebiotici ed SCFAs, sono ricche di micronutrienti e vitamine che rafforzano il sistema immunitario (la fermentazione rende Sali e vitamine maggiormente digeribili e assimilabili), contengono enzimi che possono favorire la digestione in chi soffre di disturbi digestivi o colon irritabile e meteorismo (magari cominciando in maniera graduale, una grande porzione potrebbe non essere tollerata).

Occhio a chi presenta Sensibilità all’istamina! Chi è sensibile all’istamina deve fare molta attenzione all’assunzione di probiotici e alimenti ricchi di microorganismi: alcuni ceppi batterici possono essere di supporto nel meccanismo di degradazione dell’istamina, altri potrebbero far peggiorare i sintomi.

A cura di
Dott.ssa Patalano Myriam Biologa Nutrizionista
Ischia Nutrizione Patalano